Trasmissione delle disuguaglianze tra generazioni: quali le responsabilità a partire dalla scuola?

Trasmissione delle disuguaglianze tra generazioni: quali le responsabilità a partire dalla scuola?

Trasmissione delle disuguaglianze tra generazioni: quali le responsabilità a partire dalla scuola? 2196 1232 Trendsformative

Cinque generazioni. In media, questo è il tempo impiegato da chi proviene da una famiglia povera per raggiungere il reddito nazionale medio nei 24 paesi dell’OCSE1. Sebbene le nozioni di pari opportunità e di merito siano alla base di ogni società democratica, finora la disuguaglianza non è stata efficacemente contrastata. Decodifichiamo un fenomeno globale che inizia a partire dall’istruzione dei futuri cittadini.

La trasmissione della povertà, in Francia e altrove

Nel 1964, Pierre Bourdieu pubblicò un libro intitolato “Les Héritiers”. Evidenziando il rapporto tra dominio culturale ed economico, il sociologo ha mostrato come le persone appartenenti alla classe operaia fossero praticamente escluse dalle università: all’epoca meno dell’1% dei figli e delle figlie dei braccianti agricoli proseguiva gli studi, rispetto al 70% dei figli degli uomini d’affari e all’80% dei liberi professionisti. Dopo oltre 50 anni, la situazione è purtroppo rimasta immutata. La disuguaglianza ha continuato a diffondersi in tutto il mondo, in particolare dagli anni ’80. Mentre l’Europa è uno dei continenti che ha resistito meglio, il divario è tuttavia aumentato in ogni paese2.

Le disparità sono in primo luogo geografiche. In Francia, ad esempio, la regione di Parigi, l’ovest e gran parte del sud-ovest stanno andando meglio. Al contrario, tre regioni in particolare sono in difficoltà: il nord-est, le aree lungo la costa mediterranea e la valle del Garonne, tra le città di Tolosa e Bordeaux. “Queste regioni sono caratterizzate da tassi di disoccupazione più elevati, più famiglie monoparentali e più giovani senza qualifiche”, spiega Hervé Le Bras, studioso di demografia e migrazione. “In pratica, queste disparità creano un proprio sistema – in cui i giovani non qualificati sono a maggior rischio di disoccupazione che, a sua volta, aumenta il rischio di divorzio e disgregazione familiare, ecc.” Questa spirale discendente si sta effettivamente perpetuando, da una generazione all’altra.

Eppure, lo stato sta giocando un ruolo attivo nel tentativo di ridurre queste disparità. Hervé Le Bras, autore nel 2019 di “Se Sentir Mal Dans une France Qui Va Bien3”, ha dimostrato come la disuguaglianza in Francia sia meno pronunciata che altrove nonostante la percezione comune dica l’opposto. “I poveri in Francia sono meno poveri, perché la quota del PIL che va ai servizi sociali (34%) è più alta che altrove”, ha scritto.

Scuola, un ascensore per la mobilità sociale attualmente fermo

Nonostante la volontà da parte dello stato di agire, la disuguaglianza persiste. Pensare a questo fenomeno implica esaminare da vicino il meccanismo chiave del nostro ideale meritocratico: la nostra scuola. Studi internazionali (in particolare PISA) mostrano che il sistema educativo francese è uno dei più diseguali. Una ricerca del Ministero dell’Istruzione Superiore del paese ha recentemente analizzato il percorso educativo di una singola generazione4. A 15 anni, le origini degli alunni riflettono la composizione della popolazione attiva: i figli di lavoratori generici e impiegati rappresentano il 50% della forza lavoro, superando di 3 volte il numero dei figli di dirigenti (il 17% del totale). Tre anni dopo, la distribuzione è molto diversa. Solo un terzo di coloro che hanno sostenuto gli esami scolastici finali sono figli di operai e impiegati. Questo trend si accentua ulteriormente quando si tratta di istruzione superiore: con il 55% dei figli di dirigenti che conseguono un master, rispetto al 23% dei figli dei lavoratori dipendenti e solo il 13% dei figli degli operai. Questo esempio francese può essere esteso a tutti i paesi.

Autonomia scolastica e locale: idee da perseguire

Cosa si può fare per prevenire la trasmissione delle disuguaglianze da una generazione all’altra? Probabilmente partendo da una profonda riforma di una delle pietre miliari della nostra società: la scuola. In Francia, ad esempio, tutti sembrano concordare su questo aspetto. I governi che si sono succeduti nel tempo hanno adottato misure diverse per tentare di far fronte al problema. Il compito è ampio e richiede un lavoro molto profondo e di lungo termine. “I primi tipi di disuguaglianza sono tra le scuole stesse”, osserva Hervé Le Bras. “Un grande passo avanti sarebbe quello di far scoppiare le “bolle sociali” in cui le persone vivono.” Cita l’esempio del “busing”, una soluzione implementata negli Stati Uniti negli anni ’60 per combattere la segregazione razziale. Ogni mattina, tutti gli alunni venivano portati a scuola in autobus, con l’obiettivo di avere una quota uguale di studenti bianchi e neri per ogni scuola.

Diversi studi condotti negli Stati Uniti sottolineano il fatto che il livello di competenze di un dipendente sia una delle ragioni principali dell’ampliamento del divario tra ricchi e poveri. “Poiché il sistema educativo americano ha faticato nel formare i dipendenti più qualificati, il loro basso numero ha portato a un aumento molto più elevato dei loro compensi rispetto al resto della popolazione”, spiega Alain Trannoy, economista e direttore della ricerca presso la scuola francese per gli studi avanzati nelle scienze sociali (EHESS)5. L’ascesa di Internet e degli strumenti IT ha semplicemente contribuito a incrementare le differenze tra i livelli di qualifica. “L’unica soluzione è investire massicciamente, in modo che gran parte di un’intera generazione sia spinta verso il raggiungimento dei più alti livelli di qualifica”, afferma.

All’istruzione è già destinato uno dei budget più alti del governo. Secondo Eurostat, la spesa media nel settore da parte dei paesi europei è stata pari al 4,6% del PIL nel 2017 (6,8% in Svezia, 5,4% in Francia e 4,1% in Germania). Tali numeri possono superare i cento miliardi di euro in un anno e potenzialmente anche di più se i paesi sono in grado di ridurre i loro deficit.

Per risolvere il problema della crescente disuguaglianza, Nicolas Duvoux6, esperto in materia, ha evidenziato il collegamento tra la tassazione progressiva e il successo nella lotta all’evasione fiscale. “Il modo in cui un paese può correggere la disuguaglianza all’interno dei suoi confini dipende in parte da ciò che i suoi vicini stanno facendo”, sottolinea. “A parte le perdite subite dallo stato, l’evasione fiscale è una minaccia all’equità su cui si basa la società”. Un intervento internazionale coordinato in tal senso è quindi più che mai auspicabile.

Un’altra scelta potrebbe essere quella di fornire maggiore autonomia a livello locale. Hervé Le Bras ritiene che lo stato non debba solo svolgere il ruolo di livellatore finanziario – dove le regioni più ricche aiutano le più povere – ma dovrebbe anche conferire maggiore autonomia alle regioni stesse. L’idea di base è che combattere la povertà allo stesso modo ovunque sia semplicemente illusoria. Strutture sociali, ruolo dell’industria, storia locale, tutti questi elementi sono specifici di un’area e le organizzazioni locali sono nella posizione migliore per affrontarli. Anche in questo caso, un forte impegno politico potrebbe essere un modo per limitare il grado in cui la disuguaglianza si trasmette da una generazione all’altra e quindi impedire che una delle basi delle nostre democrazie venga messa in pericolo: la promessa di pari opportunità.

Note —
1. https://read.oecd-ilibrary.org/social-issues-migrationhealth/broken-elevator-how-to-promote-socialmobility_9789264301085-en#page28
2. Studio pubblicato ad aprile 2019 dal World Inequality Lab (WIL)
3. Pubblicato da Editions L’Aube, 2019
4. « Parcours dans l’enseignement supérieur : devenir des bacheliers 2008 », Note d’information du SIES, n° 6 – Septembre 2018, ministère de l’Enseignement supérieur, 2018
5. https://www.la-croix.com/Debats/Forum-et-debats/AlainTrannoy-solution-cest-leducation-2017-12-14-1200899511
6. https://www.la-croix.com/Debats/Forum-etdebats/Nicolas-Duvoux-Agir-lecart-entre-remunerations-2017-12-14-1200899512
7. OCSE, L’istruzione in sintesi, 2019

Ultime notizie