Il luogo di lavoro: un ambiente fisico o un concetto virtuale?

Il luogo di lavoro: un ambiente fisico o un concetto virtuale?

Il luogo di lavoro: un ambiente fisico o un concetto virtuale? 1024 574 Trendsformative

Nel corso degli anni, la tecnologia ha rivoluzionato il mondo in cui viviamo. L’uomo ha creato e sviluppato le tecnologie digitali per migliorare la sua vita. Alcuni potrebbero dire di averlo fatto, altri potrebbero non essere d’accordo. In ogni caso, non si può negare che la tecnologia stia trasformando le nostre vite in ogni momento e in particolare il nostro ambiente di lavoro.

Il luogo di lavoro si sta parzialmente spostando verso casa

Uno studio condotto dalla Banca centrale europea (BCE) ha rilevato che circa l’86% delle aziende ha adottato la tecnologia digitale con i big data e il 79% con l’e-commerce. L’aspetto sempre più virtuale delle attività aziendali ha permesso agli accordi di “smart working” di diventare sempre più diffusi negli ultimi anni. La percentuale di dipendenti che lavorano alcuni giorni da casa nell’UE è passata dal 7,7% nel 2008 al 9,6% nel 2017. Grazie all’utilizzo diffuso di dispositivi connessi, questa opzione è ora sempre più realizzabile senza che ciò comporti un’interruzione dei flussi di lavoro. Ma perché un’azienda dovrebbe consentire ai propri dipendenti di lavorare da casa?

È stato dimostrato che lavorare da casa può aumentare la produttività, come ha sperimentato l’azienda americana Best Buy negli Stati Uniti, con un aumento del 35% della produttività grazie al suo programma di lavoro flessibile. La strategia di gestione del lavoro ROWE, acronimo di “Results-Only Work Environment” (I risultati sono l’unico scopo del lavoro) incoraggia a lavorare da qualsiasi luogo in qualsiasi momento, allontanandosi dal modello tradizionale delle 40 ore settimanali trascorse in ufficio. Inoltre, il 54% delle persone afferma che la propria casa è il luogo ideale per svolgere molte attività ad elevato valore aggiunto.

Dal punto di vista dei dipendenti, l’86% degli intervistati afferma di preferire lavorare da solo per “raggiungere la massima produttività”, rendendo il lavoro da casa la soluzione ideale per ottenere risultati di alto livello. Risparmiare tempo e risorse, evitando ad esempio il pendolarismo, consente ai dipendenti di ridurre lo stress, rafforzare la motivazione e impegnarsi per un pianeta più verde. Global Workforce Analytics stima che il lavoro agile potrebbe ridurre le emissioni di gas serra di 54 milioni di tonnellate ogni anno se i lavoratori lavorassero da casa solo per metà della settimana lavorativa.

Attualmente, le persone che lavorano da casa negli Stati Uniti consentono un risparmio di 3,6 milioni di tonnellate di gas serra legate ogni anno al pendolarismo. Se volessimo replicare questi risultati, dovremmo piantare 91 milioni di alberi per compensare lo stesso livello di emissioni, secondo i dati raccolti nel 2017.

Il telelavoro crea un circolo virtuoso migliorando il benessere dei dipendenti, la produttività delle aziende e tutelando l’ambiente. Oltre all’aumento della produttività, le stesse aziende godono inoltre di numerosi vantaggi nel far lavorare le persone da casa. Spesso, l’installazione di attrezzature e software adeguati per i dipendenti può essere costosa. Tuttavia, questa spesa iniziale genera una serie di benefici a lungo termine. Ad esempio, è necessario meno spazio per gli uffici, il che a sua volta porta a minori requisiti e spese di struttura a lungo termine, la possibilità di localizzare strategicamente i dipendenti vicino a clienti importanti per aumentare l’interazione personale, la reattività e una maggiore fidelizzazione del personale per competenze chiave e know-how.

La nozione stessa di “lavoro agile” può sembrare il compromesso ideale, sebbene sollevi interrogativi sull’equilibrio tra tempi di vita e lavoro, con il rischio che un aspetto prevalga sull’altro. È diventato sempre più comune seguire i dipendenti al di fuori dell’orario di lavoro in materia professionale. I vantaggi dei dispositivi connessi, che tengono aggiornati costantemente tutti i membri di un team, sono però contrastati da un utilizzo eccessivo, facendo sentire i dipendenti come se fossero costantemente al lavoro.

È essenziale operare una chiara distinzione tra vita professionale e vita privata per garantire la corretta attuazione del lavoro a distanza. Quando questa linea di demarcazione è tracciata in modo chiaro e viene raggiunto il giusto equilibrio, una potenziale fonte di ansia si trasforma in un mondo di infinite opportunità.

Dovremmo essere tutti in ufficio o lavorare da casa?

In un momento in cui le tecnologie digitali si stanno evolvendo rapidamente, sono necessarie interazioni di persona? Viviamo in un mondo connesso in cui possiamo sempre interagire con le nostre controparti. Tuttavia, un certo livello di interazione fisica è essenziale sia per i clienti che per i dipendenti e continuerà ad essere necessario per diversi motivi.

In primo luogo, è importante che il luogo di lavoro non sia percepito come un social network o una realtà virtuale in cui si svolgono attività professionali. La distinzione tra i due ambiti è di più facile attuazione in un edificio e in un contesto professionale adeguato. È fondamentale ricordare ai dipendenti la professionalità che devono costantemente dimostrare e stabilire un clima di fiducia tra le parti interessate al fine di mantenere un’immagine positiva del brand. L’ufficio fisico porta con sé anche molti vantaggi inconsci, che favoriscono un atteggiamento professionale nelle operazioni quotidiane e nelle decisioni strategiche.

In secondo luogo, alcune funzioni aziendali non possono essere trasferite in ambito digitale. Ad esempio, la negoziazione di un contratto con parti esterne richiede un’interazione di persona per utilizzare con successo l’intelligenza emotiva e mantenere una relazione veramente personale con i clienti.

La collaborazione interna è un altro esempio del motivo per cui lo spazio fisico garantisce la coesione all’interno dell’azienda. Assicura uno stretto coordinamento, una cultura aziendale e persino la routine quotidiana per uscire dall’ottica privata e per assumere una mentalità lavorativa.

È importante notare che non tutti abbracceranno il trend digitale. Alcuni preferiranno ancora entrare in azienda e sedersi alla propria scrivania per mettersi al lavoro. Possono esserci infatti benefici non finanziari che legano i dipendenti alla propria azienda. Eliminare l’ufficio fisico potrebbe voler dire rimuovere l’interazione con le persone, che nessuna somma di denaro può compensare.

Intelligenza artificiale versus intelligenza umana

La convinzione che l’intelligenza artificiale e i robot stiano sostituendo gli esseri umani sta da qualche tempo guadagnando terreno. L’intelligenza artificiale sta crescendo indiscutibilmente a livello globale, secondo Gartner “il valore globale derivante dall’intelligenza artificiale dovrebbe essere pari a 1.200 miliardi di dollari nel 2018, con un aumento del 70 percento rispetto al 2017”. Inoltre, si prevede che il mercato dell’intelligenza artificiale diventerà un settore da 190 miliardi di dollari entro il 2025, rendendo l’intelligenza artificiale un must, oggi e in futuro.

L’applicazione più evidente dell’intelligenza artificiale si trova nell’automazione di mansioni in numerosi settori che stanno abbracciando la transizione digitale. L’interpretazione e l’applicazione dei dati sono ora eseguite da computer con scarso coinvolgimento umano. Un altro aspetto in cui l’intelligenza artificiale è molto comune sono le attività ripetitive che non richiedono un alto livello di competenze. In alcuni casi, pertanto, è diventato più efficiente ed economico utilizzare semplicemente i robot.

Ciò non significa che i robot sostituiranno gli esseri umani, ma piuttosto che li libereranno da compiti noiosi e lasceranno loro più libertà e creatività per partecipare a progetti più entusiasmanti. L’intelligenza artificiale dovrebbe essere considerata come un aiuto e non un nemico. La sua applicazione offre innegabili vantaggi come maggiori competenze e capacità lavorative dei dipendenti. Abbiamo già l’opportunità di trarre vantaggio da questi aspetti, dal momento che la percentuale di lavori che richiedono competenze di intelligenza artificiale è aumentata di 4,5 volte dal 2013.

L’intelligenza artificiale è molto più presente nelle nostre vite di quanto pensiamo, ma non ne siamo consapevoli. Solo il 33% delle persone ritiene di utilizzare tecnologie che ricorrono all’intelligenza artificiale. La percentuale reale è, sorprendentemente, molto più elevata: il 77% utilizza effettivamente servizi basati sull’intelligenza artificiale, rendendo l’adozione di tali processi un passo naturale e incrementale per l’uomo.

I robot hanno indubbiamente capacità superiori a quelle umane, ma lo stesso si può dire degli esseri umani rispetto ai robot. L’intelligenza artificiale non comprende i pensieri irrazionali e non prevede la compassione emotiva necessaria agli esseri umani. Le persone cercano conferme e giustificazioni per i propri sentimenti in momenti difficili e i robot non presentano questo aspetto umano essenziale. Inoltre, gli esseri umani preferiranno sempre interagire tra loro. L’intelligenza artificiale non sarà mai in grado di comprendere la sottigliezza dei dettagli di una situazione e, indipendentemente dall’entità dei progressi nello sviluppo dell’intelligenza artificiale, i robot non allontaneranno completamente gli esseri umani dal luogo di lavoro.

La dicotomia “intelligenza artificiale versus esseri umani” dovrebbe quindi essere in realtà una collaborazione “intelligenza artificiale con gli esseri umani”. Attraverso gli smartphone con cui tutti interagiamo quotidianamente, l’intelligenza artificiale è parte della nostra vita e migliora le nostre esperienze quotidiane. Dobbiamo semplicemente adottare la stessa mentalità per integrare la cultura dell’intelligenza artificiale nelle pratiche aziendali ed emergeranno molte opportunità e possibilità.

Le tecnologie digitali sono diventate un must per le aziende di oggi

Con il mercato globale del cloud computing pubblico destinato a raggiungere $ 258 miliardi nel 2019 e l’intelligenza artificiale che dovrebbe incrementare la redditività del 38% e generare $ 14.000 miliardi di entrate aggiuntive entro il 2035, l’adozione delle tecnologie digitali è senza dubbio fondamentale per qualsiasi azienda competitiva. Naturalmente, la crescente digitalizzazione della nostra società genera alcune paure. Tuttavia, i benefici e le opportunità che può arrecare sono immensi. La realtà è che la tecnologia digitale non è più un lusso, ma una necessità nel mondo di oggi. Il 90% delle aziende utilizza attualmente sistemi di archiviazione cloud, consentendo l’accesso ai dati sempre e ovunque.

Gli sviluppi tecnologici in atto in tutti i settori evidenziano i vantaggi del cosiddetto “apprendimento permanente” e consentono agli esseri umani di esercitare un’immensa influenza sul mondo. Supportare le aziende e preparare gli individui all’era digitale che sta già plasmando il mondo in cui viviamo, getterà le basi per il nostro futuro.

Ultime notizie