Nutrire una popolazione in crescita in modo sostenibile: una sfida globale

Nutrire una popolazione in crescita in modo sostenibile: una sfida globale

Nutrire una popolazione in crescita in modo sostenibile: una sfida globale 1024 574 Trendsformative

Oggi, il settore alimentare e l’agroindustria hanno importanti impatti economici, sociali e ambientali. A livello globale rappresentano il 10% della spesa dei consumatori, il 40% dei posti di lavoro e il 30% delle emissioni di gas a effetto serra.

Sfide crescenti, nuove tendenze dei consumi, scandali alimentari ed effetti ecologici hanno portato questo tema al centro dell’attenzione, oggi più che mai.

Principali sfide nella catena del valore alimentare

La crescita della popolazione, l’urbanizzazione, lo sviluppo economico dei mercati emergenti e i cambiamenti nelle abitudini dei consumatori sono le forze in gioco nella sfida alimentare a livello globale.

La crescita della popolazione mondiale è il fattore principale dell’emergenza in atto. Come stimato, entro il 2050 dovrebbero esserci 9,7 miliardi di esseri umani, che abiteranno principalmente nelle città.

La migrazione della popolazione dalle campagne alle aree urbane è stata osservata per la prima volta diversi decenni fa nei paesi sviluppati. Oggi questo fenomeno è in atto nei mercati emergenti ed è un elemento fondamentale alla base delle nostre abitudini alimentari. Nel 2015, il 54% della popolazione viveva in città. Nel 2050, questo numero salirà ai due terzi.

Se l’attuale trend proseguirà, il fabbisogno di calorie crescerà del 70% e la necessità di nuove coltivazioni dovrebbe almeno raddoppiare, per il consumo umano e per l’alimentazione animale.

Allo stesso tempo, la superficie agricola pro capite del nostro pianeta sta diminuendo. Dal 1960 si è già dimezzata. Entro il 2050, dovrebbe diminuire ulteriormente del 15%. Inoltre, l’incremento della produttività sta rallentando mentre gli sprechi non sono mai stati così elevati. Il 30% del cibo va perso, sia nei paesi emergenti che in quelli sviluppati.

Sono pertanto necessari importanti investimenti per far fronte a una forte crescita della domanda, ma anche per sfruttare al meglio i nuovi trend di consumo e soprattutto per ottimizzare l’uso delle risorse.

Nuovi trend di consumo nei mercati emergenti

Entro il 2020, oltre la metà della crescita del PIL mondiale dovrebbe provenire da paesi al di fuori dell’OCSE. Questi paesi rappresenteranno oltre la metà della popolazione mondiale che abiterà in città. Non solo la domanda di cibo esploderà, ma diventerà anche più diversificata, in particolare con più calorie, proteine ​​e piatti pronti.

L’aumento della domanda di proteine ​​è un problema cruciale. Con una spesa annua che raggiunge i $ 300 miliardi, la Cina è già il più grande consumatore di carne al mondo, in particolare di carne di maiale. Il consumo di proteine ​​dovrebbe continuare a crescere del 3-4% annuo per soddisfare la domanda delle classi medie.

L’intera catena del valore dovrà rispondere a questo fenomeno. Ad esempio, ci sono aperture promettenti nel settore della catena del freddo, sotto l’influenza sia del governo che dei consumatori, che stanno diventando sempre più esigenti in termini di qualità e sicurezza degli alimenti. Affinché la Cina raggiunga il livello di sicurezza e qualità dei paesi sviluppati, i suoi servizi di trasporto e stoccaggio nella catena del freddo dovranno crescere del 20% all’anno nei prossimi dieci anni.

Cambiamenti in corso nei paesi sviluppati

Oggi un americano in media consuma 500 calorie in più rispetto agli anni ’70. L’obesità è diventata un problema di salute pubblica e le persone aspirano ora a mangiare in modo più sano o diverso. La produzione biologica, vegetariana e vegana si sta sviluppando considerevolmente.

Il mercato dei prodotti biologici è in rapida crescita, soprattutto in Nord America ed Europa, che rappresentano i quattro quinti delle vendite. È interessante notare che, mentre i tre mercati principali sono Stati Uniti, Germania e Francia, la Cina è già al quarto posto.

Gli antropologi e i nutrizionisti generalmente concordano sul fatto che mangiamo troppa carne. Inizialmente, il veganismo era un mercato di nicchia e un movimento di protesta. Oggi, sempre più persone affermano di essere pronte a ridurre il consumo di carne (in Francia, oltre 80 kg pro capite all’anno) o di non mangiare più carne. Nel Regno Unito, il 20% dei giovani di età compresa tra 16 e 24 anni dichiara di essere vegano.

La natura dei prodotti cambia, ma anche le nostre abitudini alimentari. L’urbanizzazione e il ruolo crescente delle donne nella popolazione attiva sono due importanti cambiamenti nella nostra società che hanno un forte impatto sul nostro rapporto con il cibo.

Cuciniamo meno spesso, il che ha favorito un aumento dell’asporto e delle consegne a domicilio, ma ha anche aumentato la frequentazione dei ristoranti. Oggi, un terzo delle calorie assunte dagli americani avviene nei ristoranti. Nel 1970, era la metà. Per la prima volta nella storia, gli americani spendono di più nei bar e nei ristoranti che nei supermercati.

I cambiamenti nelle abitudini alimentari sono inoltre generazionali. In media, i millennial mangiano fuori casa 3,4 volte a settimana. Al contrario, la media è di 2,8 volte per il resto della popolazione. I millennial sono anche i principali consumatori di cibo consegnato a casa tramite applicazioni per smartphone.

Il nostro pianeta è in rosso

Senza dubbio, le risorse del pianeta sono sotto pressione. Secondo l’ONG Global Footprint, il 1° agosto 2018 ha rappresentato il giorno in cui abbiamo consumato tutte le risorse che il nostro pianeta può riprodurre in un anno. Per soddisfare le nostre attuali esigenze sono necessari quindi 1,7 pianeti. In breve, viviamo oltre i nostri mezzi. Peggio ancora, le nostre esigenze future sono destinate a diventare enormi.

Entro il 2030, il 40% della domanda di acqua potrebbe non essere soddisfatta. Il 20% della terra arabile è già in uno stato di degrado. Siccità, inondazioni, tempeste, ondate di calore, lo spettro delle catastrofi climatiche è ampio e aumenta la probabilità che si verifichino.

In questo scenario reale, dovranno essere fatti tutti gli investimenti necessari per soddisfare una domanda in rapida crescita. Governi, aziende, associazioni, cittadini, tutti dobbiamo affrontare questa sfida alimentare globale a partire da oggi e per le generazioni future.

— Tegwen Le Berthe, Investimenti tematici ed ESG, CPR AM

Newsletter

The personal data collected above are intended for CPR Asset Management and are for the sole purpose to help you receive our newsletter. CPR Asset Management undertakes to protect these data during your subscription. In accordance with the Data protection Act of 06/01/1978 and the European General Data Protection Regulation (GDPR 2016/679), you have the right to access, rectify, retrieve and delete your data by sending a letter to CPR Asset Management - CPR-DMC-MKT-MKR - 90 boulevard Pasteur – CS 61 595 - 75730 Paris Cedex 15 or by sending a mail to contact.trendsformative@cpr-am.com. By checking the box above, you declare to have understood and accepted these conditions.