Le città di domani: una sfida ambientale?

Le città di domani: una sfida ambientale?

Le città di domani: una sfida ambientale? 1024 574 Trendsformative

Entro il 2030, potrebbero esserci 43 megalopoli con più di 10 milioni di abitanti, in confronto alle 31 attuali. Queste cifre, pubblicate dalle Nazioni Unite a maggio 20181 rivelano l’entità della sfida che l’umanità deve affrontare ora – per garantire che il pianeta rimanga vivibile, in un contesto di risorse naturali in diminuzione e crescita urbana senza precedenti. Oggi, dobbiamo pensare alla città di domani, una dichiarazione di fatto condivisa da esperti e da tutti coloro che si impegnano, proprio ora, ad essere una forza trainante per il cambiamento.

Uno scenario catastrofico?

Le città sono al centro dei problemi più gravi che l’umanità dovrà affrontare nei prossimi anni: la diminuzione delle risorse idriche e di combustibili fossili, la vulnerabilità di fronte ai cambiamenti climatici e le conseguenze della crescita incontrollata delle baraccopoli nell’ambiente urbano2.

Nel momento in cui il 40% dell’espansione urbana mondiale passa attraverso quella delle baraccopoli, i rischi di un degrado a lungo termine dell’ambiente si moltiplicano. Le reti urbane stanno lottando per far fronte alla pressione demografica e non sempre beneficiano di investimenti sufficienti per garantire un accesso equo a risorse come l’acqua potabile e l’elettricità. L’uso incontrollato del suolo sta minacciando i terreni agricoli e la produzione alimentare, mentre l’inquinamento atmosferico causato dai trasporti sta avvelenando3 gli abitanti delle città. Tutti questi problemi sono condivisi dai paesi sviluppati a causa dei loro alti livelli di consumo.

Gli effetti visibili dei cambiamenti climatici si stanno solo aggiungendo a questi problemi sotto forma di inondazioni causate dall’innalzamento del livello del mare, malattie legate a temperature più elevate e danni alle infrastrutture, ripercussioni per gli ecosistemi che forniscono cibo e acqua da cui dipendono le città, aumento del consumo di energia e delle emissioni di gas serra … la lista è lunga!

La capacità di adattamento

In questo contesto, come possiamo progettare la città di domani e costruire un futuro possibile? Il professor Emerito presso il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS) e specialista nel funzionamento delle città, Denise Pumain ha sottolineato la naturale capacità delle città di adattarsi ai cambiamenti. “Sin dalla loro creazione, le città sono state in un continuo processo di mutazione, per continuare a esistere”, sottolinea. Con morfologie differenti e diverse per la loro geografia, densità e società che ci vivono, le città hanno dimostrato di essere in grado di trovare soluzioni adeguate ai loro problemi di sostenibilità.

Alcune di queste soluzioni sono già note. Nel settore delle costruzioni, che rappresenta circa il 40% del consumo energetico della Francia, l’attenzione si concentra sulla costruzione di edifici a basso consumo energetico o addirittura ad energia positiva. Anche la gestione dei rifiuti è essenziale per la sostenibilità delle città. Oltre allo smistamento e al riciclaggio sistematici dei rifiuti, alcune start-up stanno creando nuovi modelli di business dal compost, con la biomassa che inizia a essere utilizzata come combustibile per le reti di riscaldamento urbano. Le città stanno nel frattempo sviluppando sistemi di trasporto elettrico, prendendosi cura degli spazi verdi e incoraggiando le persone ad acquistare prodotti locali e a ridurre il loro consumo di energia con l’aiuto di reti elettriche intelligenti.

Nutrire città con 2,5 miliardi di abitanti

Anche l’agricoltura viene  incoraggiata a integrarsinel paesaggio urbano, adattandosi a una vasta gamma di edifici e aree geografiche urbane, mentre il concetto di “fattorie verticali” sta guadagnando interesse in tutto il mondo. Sui tetti di New York e Montreal, le persone usano le nuove tecnologie per coltivare frutta e verdura, mentre i grandi edifici agricoli usano i LED invece della luce naturale e la nebulizzazione delle sostanze nutritive, quindi il suolo non è più necessario. Il sistema garantisce una consegna giornaliera di frutta e verdura e una riduzione delle distanze per i consumatori in città.

A livello più generale, la sicurezza alimentare èun requisito fondamentale per una pianificazione completa del ciclo alimentare – dalla produzione ai sistemi di distribuzione, vendita, rifiuti e riciclaggio – come già chiarito dal rapporto della associazione delle maggiori metropoli mondiali Metropolis[3]. È anche possibile installare strutture per il risparmio idrico, seguendo l’esempio delle autorità di Barcellona, ​​che hanno istituito punti di raccolta dell’acqua in città e hanno incoraggiato nuove iniziative per ottimizzare l’uso efficiente dell’acqua.

Mentre i paesi in via di sviluppo soffrono di un approccio a volte anarchico alla crescita urbana, sono anche luoghi chiave per testare progetti sperimentali per città sostenibili. In Cina, ad esempio, Dongtan, 15 km a nord di Shanghai, è stata progettata come una eco-città regionale, ponendosi l’obiettivo di diventare la prima città veramente sostenibile al mondo senza emissioni di gas serra. Sfortunatamente, il progetto non ha funzionato. Ma rappresenta la volontà di sperimentare nuove soluzioni tecnologiche per fornire condizioni sostenibili per la vita moderna.

Disegnare una città in tutta la sua complessità

Progettare una città sostenibile implica sfruttare il potere dell’innovazione tecnologica. Tuttavia, i requisiti di progettazione vanno ben oltre questo aspetto. Come indicato nel rapporto4 dell’agenzia francese per l’ambiente e la gestione dell’energia (ADEME), una città è un ibrido sociale, culturale e spaziale. Non è solo un sistema fisico costituito da installazioni tecniche – in realtà un sistema di flussi interni ed esterni (di persone, energia, materiali, informazioni e beni) – ma è anche un sistema di pratiche sociali e socio-politiche che coinvolgono diversi attori. E al centro di questo oggetto complesso, si stanno sviluppando attività sofisticate e interdipendenti, insieme a vari tipi di reti, su scale diverse.

Ecco perché le Smart Cities non riguardano solo l’ingegneria digitale, spiega Denise Pumain “Adattarsi al cambiamento significa non solo trovare nuove soluzioni tecniche, ma anche scambiare informazioni, prendere decisioni a livello istituzionale e consentire a tutti di comprendere ed essere coinvolti nel modo in cui è organizzata la vita quotidiana”. Incoraggiando l’istruzione dei cittadini e l’impegno della comunità, le città possono sviluppare risorse preziose quanto i risultati dell’innovazione tecnologica.

Infine, pensare alla città in modo globale, in tutta la sua complessità, implica anche il coinvolgimento delle reti internazionali di autorità cittadine e la condivisione di informazioni preziose sulla sostenibilità del pianeta. In Asia, la Rete di resilienza ai cambiamenti climatici delle città asiatiche (ACCCRN) sta lavorando per anticipare i rischi e fornire risposte praticabili. In Europa, il network JPI Urban Europe sta esaminando tutte le forme di transizione urbana. La forza di queste reti sta nella loro capacità di condividere informazioni ed esperienze, come sta facendo la città di Parigi, dopo aver lanciato un progetto di eco-distretto con risultati contrastanti. Il progetto illustra la vera sfida per lo sviluppo di città sostenibili: oltre a tutta la tecnologia, è necessario trovare un modo efficace di unire tutte le parti interessate attorno a un obiettivo comune.

Note —
1. https://www.un.org/development/desa/en/news/population/2018-world-urbanization-prospects.html
2. Fonte: “Cities of the future, the future of cities: what’s next for the cities of the world?”; report del senatore Jean-Pierre Sueur alla commissione per la trasformazione sociale ed economica del senato francese
3. https://www.old.metropolis.org/sites/default/files/c2_metropolis_urban_growth_-_english.pdf
4. ‘Challenges and prospects for efficient, sustainable cities’ – https://www.ademe.fr/sites/default/files/assets/documents/90470_7657-feuille-route-villes-durables.pdf

Ultime notizie